In questa splendida serata di venerdì 10 giugno 2016 abbiamo avuto il piacere di ospitare nel nostro locale Stefano Battaglia, il creatore del marchio Art Of Beer, AOB per gli amici, birrificio che ha il suo bacino di utenza commerciale prevalentemente a Roma anche se situato a Fidenza, in romagna.

Stefano ci ha raccontato le sue origini come sommelier, la sua passione per la birra artigianale nata agli albori, insieme ai personaggi di spicco che hanno fatto la storia della birra artigianale nel laziale: Teo Musso, Leonardo di Vincenzo, Emanuele Colonna. Da sommelier nei ristoranti decide di aprire assieme ad altri amici e colleghi il Mama Tequila, locale storico della zona di Torrevecchia. Ci spiega come abbia fatto del consociativismo un suo principio e cavallo di battaglia, di come l’unione di intenti possa riuscire a scavalcare gli ostacoli che il nostro paese ci pone; apriamo e chiudiamo una parentesi sulle difficoltà che un imprenditore possa incontrare in Italia in qualsiasi settore, quindi anche della produzione del nostro amato succo d’orzo. AOB è quindi un marchio che consociato assieme ad altre realtà brassicole, colleghi che hanno deciso di fare fronte comune ed investire tutti insieme in macchinari costosi, difficili da ammortizzare con una produzione individuale: la loro strategia è in realtà semplice, e in questa semplicità sta il segreto della loro sopravvivenza come marchio indipendente prima, e come realtà affermata e di successo poi. Un birrificio deve lavorare praticamente tutti i giorni per poter creare plusvalore, questo è un precetto conosciuto nel mondo della birra artigianale: più si brassa e maggiore l’ammortamento. In questa realtà consociativa diversi marchi, con diversi prodotti destinati a mercati a loro volta distanti producono a rotazione per accontentando ad esempio sia un pubblico come quello milanese, dove ad esempio le IPA non hanno sfondato come a Roma e quello romano, dove invece il luppolo viene chiesto dal grande pubblico a gran voce. AOB è il fiore all’occhiello della produzione, quella che Stefano ama definire la sua produzione di nicchia, nel senso che le ricette che vengono sviluppate sono complesse e spesso il litraggio in produzione minimo.

Chiaramente questo discorso non vale per i prodotti fissi, la Beach Volley, la Hops fragrance e la Silver Dream, tutte birre ormai più che affermate, dalle note fortemente luppolate e ricche all’olfatto dei sentori strutturati che solo le combinazioni di diversi luppoli sapientemente bbinati riescono a dare. Ma ad esempio la Orange, una triple con bucce di arance amare, coriandolo e liquerizia oppure la Tobaco Leaf che include nella ricetta foglie di tabacco. Oltre alla Sour Wine Barley, una sour ale assolutamente straordinaria che Stefano ha voluto gentilmente offrirci e che abbiamo avuto il piacere di degustare tutti insieme: un prodotto come questo ha una produzione limitatissima e rappresenta tutto l’estro di quello che si fa chiamare un beermaker anziché mastro birraio. Il beer maker, ci spiega Stefano, è colui che inventa la birra, che la pensa, che crea la ricetta immaginandola per quella che dovrebbe essere, prima di darla al mastro birraio che la realizzerà in cantina; spesso i due ruoli sono sovrapposti ma non in questo caso.

Vorrei chiudere cone una parentesi, dicendo che nel nostro punto vendita Art Of Beer è stato uno dei pochi prodotti che si è venduto da solo, riscuotendo successo fin dalle prime apparizioni in fusto, per poi confermare la tendenza con le bottiglie, nonostante all’inizio fosse un marchio completamente sconosciuto. Ho già avuto modo di dire direttamente all’interessato che non sono tipo da fare sviolinate: la birra è un prodotto popolare, mi piace pensare che si mantenga lontano dalle sofisticazioni e non avrei motivo di raccontare una cosa per un’altra. Il fatto è che si tratta di un ottimo prodotto, studiato appositamente per un certo tipo di pubblico: beh, ha funzionato..

Monkeysisland Art Of Beer Staff
Art Of Beer Birre Artigianali
Birre Artigianali Distributore
Monkeysisland Art Of Beer Staff2
Sour Italian Barley AOB