La birra viene prodotta e bevuta da secoli. Da secoli la maltazione dell’orzo è entrata nelle attitudini di quasi tutte le popolazioni europee e del mondo, con lo scopo di produrre la nostra amata bevanda dalle mille sfaccettature (la birra per chi non lo avesse inteso!). Quando nacquero gli alambicchi, nel lontano oriente, ci misero poco a diffondersi, mostrando i loro utilizzi peculiari, quello di estrapolare l’essenza dei liquidi; parliamo di medioevo, a quell’epoca un processo del genere non aveva spiegazioni logiche e doveva avere l’apparenza di un qualcosa di magico. Fu però in una terra incantata come la Scozia che le popolazioni si dedicarono maggiormente allo sviluppo delle distillerie, privilegiando grandemente la produzione di essenza di birra, ossia l’antenato di quello che oggi chiamiamo whisky scozzese o scotch whisky. Sono passati in effetti grossomodo un migliaio di anni e seppure le tecniche di produzione di sono affinate moltissimo e i sapori sono stati adattati nel tempo ai cambiamenti del gusto delle persone, lo spirito con cui questa essenza viene prodotta è restata prevalentemente immutata. Ci è successa la stessa cosa di quando nasce un nuovo amore: siamo impazziti per questo prodotto e abbiamo deciso di affiancarlo alla nostra offerta di birre artigianali; d’altronde il whisky cos’è se non il fratello maggiore proprio della nostra birra? Chiaramente, così come non ci si può improvvisare artigiani da un giorno a un altro, non si può credere di diventare conoscitori di questa bevanda in quattro e quattr’otto. Entrare all’interno della tradizione, conoscere le regioni, i luoghi, i processi, le attitudini che l’acquavite scozzese di malto comporta è un processo cognitivo e conoscitivo lungo e complesso, che prevede veri e propri anni di approfondimenti (e di bevute!) per poter dire di sapersi orientare in questo mare…

Proprio per questa immensa complessità a riguardo, non penso con queste poche righe di voler spiegare nulla più della nostra esperienza personale, di raccontare gli inizi della nostra storia d’amore: con la galleria di immagini qua sotto mi piacerebbe provare a trasmettere parte di quello che è stato per noi un vero e proprio colpo di fulmine, prima con le complessità gustative del whisky e poi con la terra scozzese e la sua storia, le sensazioni che trasmette, i suoi colori.


Queste che vedrete qua sotto sono alcune immagini estrapolate dalla nostra raccolta di foto durante due viaggi in loco effettuati tra l’inverno e la primavera 2017; viaggi indimenticabili che ci hanno visto percorrere quasi cinquemila kilometri, alla scoperta di paesaggi e panorami mozzafiato, oltreché naturalmente alla scoperta costante di nuovi pub e distillerie. Spero in questo modo che possiate riuscire a cogliere una parte delle meraviglie che ci siamo trovati di fronte, dando per scontato che saremo entusiasti di raccontarvi dal vivo la nostra sperienza quando vorrete venire a bere uno o due “drop” da noi al Monkeys Island.

01.Aberlour
02.Aberlour.Distillery
03.Aberlour.Distillery
04.Abhainn.Dearg.Distillery
05.Abhainn.Dearg.Distillery
06.Abhainn.Dearg.Distillery
07.Abhainn.Dearg.Distillery
08.Abhainn.Dearg.Distillery
09.Clynelish.Distillery
10.Clynelish.Distillery
11.Clynelish.Distillery
12.Clynelish.Distillery
13.Glenkinchie.Distillery
14.Glenkinchie.Distillery
15.Glenkinchie.Distillery
16.Glenkinchie.Distillery
17.Glenkinchie.Distillery
18.Glenlivet.Distillery
19.Highland.Park.Distillery
20.Highland.Park.Distillery
21.Highland.Park.Distillery
22.Speyside.Distillery
23.Strathisla.Distillery
24.Strathisla.Distillery
25.Strathisla.Distillery
26.Talisker.Distillery
27.Talisker.Distillery
28.Talisker.Distillery
29.Talisker.Distillery
30.Talisker.Distillery
31.Talisker.Distillery
32.Tomintoul.Distillery
33.Scotland.Scozia.Paesaggio
34.Scotland.Scozia.Paesaggio
35.Scotland.Scozia.Paesaggio
36.Scotland.Scozia.Paesaggio
37.Scotland.Scozia.Paesaggio
38.Scotland.Scozia.Paesaggio
39.Scotland.Scozia.Paesaggio
40.Scotland.Scozia.Paesaggio
41.Scotland.Scozia.Paesaggio
42.Scotland.Scozia.Paesaggio